Rosini Gutman Foundation Projects / Progetti

restart-logo

The ReStArt project is born from the experience of generations dedicated to art and culture, now represented by the Rosini Gutman Foundation team, an institution that promotes innovative artistic projects linked to the promotion of economic and industrial development. ReStArt aims at realizing a number of “Art Fields” (exhibits, installations, spectacles, educational activities, workshops and much else) which exemplify shared interests among countries in Europe and Asia. For this reason, the natural recipients of the project are the Countries which take part to the Asia-Europe Meeting (ASEM), a longstanding platform of dialogue and cooperation between the two Regions, which – among others – share an interest in protection the environment and in promoting sustainable development. The blend of values of art, culture, innovation, technology and industrial “know-how” that characterizes ReStArt, can therefore be a fundamental asset in facilitating innovative links and exchanges among the “ASEM community”.

The project, was presented for the first time in June at the United Nations Headquarters in New York within the celebrative framework of the 20th Anniversary of the Asia-Europe Meeting (ASEM11), in conjunction with other initiatives promoted by the Asia-Europe NGO’s Network, the EU Association and the Asia-Europe Foundation (ASEF), the only institution established by ASEM to promote exchanges among ASEM countries. The event was graciously supported by the Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation (Farnesina), the Foreign Ministry of Mongolia (as the hosting country the last ASEM Summit/ASEM 11) the Netherlands (as Chair of the Presidency of the Council of the European Union, as well as by the Asia-Europe Foundation (ASEF).

In New York, ReStArt has received the appreciation of numerous Ambassadors of ASEM countries, which at the end of the presentation had the opportunity of getting a better understanding of the project, while attending a dinner offered by the Rosini Gutman Foundation at the German House. ReStArt was also granted the “Spirit of EurAsia Award” as the best project in this framework. Other awards were bestowed upon different works of art presented at the event, among which “The New Silk Road” by Giovanni Gurioli, a puzzle-installation whose elements symbolize the “genomes” of the “EurAsian body”.

The transversal nature of RestArt, configures the project as a platform for dialogue and cooperation between Italy and other ASEM countries, also intended as a follow up of the 10th ASEM Meeting which took place in Milan, on whose occasion Italy offered to put forward a number of initiatives intended to facilitate relations within ASEM.
In principle, it is currently envisioned that RestArt could be offered a space within the Italian Pavilion of the International EXPO, ASTANA 2017, this as a testament to Italy’s sensitivity toward art, innovation, sustainable development and relations between Europe and Asia.

Since RestArt is a creative platform based on projects of various nature, the potential interested recipients who might be interested is wide, both within the public as well as the private sector. Therefore, the project has the potential to link and relate to numerous initiatives, which already exist and are constantly growing including artistic Biennales, cultural and social associations and regional networks which promote the protection of the environment and the regeneration of urban heritage. This is conveyed by the tendency to create “Smart Cities”, guiding the lifestyles and productive sectors towards the use of renewable energies. RestArt can therefore offer local Italian public entities, together with equal entities from Asia the opportunity to participate to initiatives useful to elaborate patterns of sustainable development and urban regeneration.

Moreover, the foreseen cooperation of ReStArt with different representatives of the EurAsian civil society shall be combined with an exchange of views and opinions among leading experts, academics and policymakers of the two Regions, along the traditional path of the ancient “Silk Road”. Among others, aims to be an instrument for enhancing and disseminating new “governance” for “sustainable development”, including among the productive sector, with the help of specific training activities.

The objective is therefore to Re-Generate this path, with a “New Silk Road”, though the values of art and culture, and to facilitate the increase of exchanges in all sectors through the transversal approach of RestArt.

ReStArt – Human Art Shield – was born to support Regenerative Art, to explore new energies and economies through the Language of Arts, culture and social cooperation among peoples.

Art represents the neutral field where diversities can be compared and can identify a common denominator.  In this way, sharing“Universal Human Values” will bring the Human Being back to the centre of religions, philosophies, thinking and human activities, allowing individuals to get to know themselves through projection in Another person and in another identity.

ReStArt – Human Art Shield is structured around many projects.

  • Regenerative Art, the designing and subsequently the carrying out of Art installations the function of which is to return monuments to the enjoyment of humanity, as the expression of the idea symbolizing the artistic creativity of the Human being, for example installations such as:
    • Energy Box, a form of art connected to Regeneration, which consists in the aesthetic and formal transformation of all those elements and spaces that carry out Utility functions in Cities, concerning: electricity, water, communication and logistic handling plants for urban traffic;
    • Urban Art and Street Art, that will involve all the cities composed of architecture that has an original value and an aesthetic connotation – indoor and outdoor spaces will thus be regenerated with murales, works of art and Design.
  • The Human Art Road represents the path which ReStArt aims at achieving and carrying out through the “New Silk road”, proposing Art Installations, Exhibitions and Events, in the form of “Artistic construction sites for Art”: sites for the defense, construction, renovation and enhancement of cultural and environmental sites, symbols of Humanity.

The Human Art Award, a permanent container, coordinated by the Promoting Comittee which will periodically evaluate and award prizes, to the most deserving projects along the path of the Human Art Award, through well defined appointments, also by assigning Scholarships reserved to students participating in the Artistic Construction Sites.

Ellissi (Ellipse), a project aimed at those metropolis or those environments that demand an architecture capable of containing the operational coordination among representative centres for the economy, culture and life of a Society: a container for exchange and cooperation activities among different cultures, which will represent a Multicultural Embassy of Arts. The etymological meaning of the word Ellipse defines the mathematical ascending spiral through which any living organism grows: from leaves and branches of plants to the movement and geometric formation of planets and stars in galaxies.

Green Zone, is a programme which foresees actions for the protection and regeneration of nature through Art, in order to make heavenly areas in the planet “economically productive as we have been doing up to the present day, our projects will be carried out without exploiting natural resources, but by placing them “within an economic regime” through Art projects, Sculpture Installations, Photos, Videos, and everything that can comunicate and enhance the natural beauty contained in the places we will select; to then arouse “attention” and “energy” to be used on site.

Human Art for Earth projects dedicated to protecting the Earth Planet heritage.

The beauty of some legendary places can hardly be neither matched nor enhanced by the works of Art created by man. However, through Art we could concur to “limit “damages and “protect” at least “some” wonders of our Planet Terra. So, man could, through art installations and other art projects, benefit from and understand such “wonders” but without altering their structure.

Although man has already compromised extensively the Nature of large areas – the desertification, the scarred natural landscapes, the wild urban sprawl, the so-called great works that have influenced the climate changes – through art projects like “Land Art”, installations and other project that Artists could invent, still we could encourage to restore some of the lost Beauty for the sake of humanity.

Universal Map, Musical Project for a multidentitario meeting.

Musical Project MAP – Music, Art and Poetry – is a music project that DGMA – Delilah Gutman Music Art – started in 2008 on the ethnic repertoire in relation to the language of art music, to art and poetry. The songs of a people and a land, with their instruments, mark a sound map – a tree of life.

Setting up Universal Map Chamber Orchestra Project is an idea born from the meeting and collaboration of three people whose interest is turned towards a single goal, to create a dialogue among different identities through a musical language: Delilah Gutman – composer, pianist and singer – Valentina Lo Surdo – musician, radio and TV presenter for RAI, and narrator – and Andrea Raffanini, orchestra conductor and orchestra Conservatory teacher.

The aim of the project is the production of a documentary (Reality Doc), Universal Map, which can tell the way that a group of young musicians can go through as part of a master class to perfect themselves in the orchestra, exploring the musical improvisation language, studying and setting up a new repertoire, to produce sound installations and a public concert.

The goal of universal MAP is to involve composers and performers to explore the musical language in relation to different musical traditions.

Subject of the production is the meeting between western instruments and instruments or songs of a particular ethnic group – as well as among music, art and poetry -, from Europe to Middle East and Orient to trace the music of the New Silk Road.

In the first half of the project plan the starting place is the Rocca of Montefiore Conca, passing via Venice – in Italy – to follow, hopefully,  Astana – Kazakistan – and continuing  its natural path along the New Silk Road up into “Far East”.

ReStArt – Human Art Shield is structured around many projects.

  • Regenerative Art, the designing and subsequently the carrying out of Art installations the function of which is to return monuments to the enjoyment of humanity, as the expression of the idea symbolizing the artistic creativity of the Human being, for example installations such as:
    • Energy Box, a form of art connected to Regeneration, which consists in the aesthetic and formal transformation of all those elements and spaces that carry out Utility functions in Cities, concerning: electricity, water, communication and logistic handling plants for urban traffic;
    • Urban Art and Street Art, that will involve all the cities composed of architecture that has an original value and an aesthetic connotation – indoor and outdoor spaces will thus be regenerated with murales, works of art and Design.
  • The Human Art Road represents the path which ReStArt aims at achieving and carrying out through the “New Silk road”, proposing Art Installations, Exhibitions and Events, in the form of “Artistic construction sites for Art”: sites for the defense, construction, renovation and enhancement of cultural and environmental sites, symbols of Humanity.

The Human Art Award, a permanent container, coordinated by the Promoting Comittee which will periodically evaluate and award prizes, to the most deserving projects along the path of the Human Art Award, through well defined appointments, also by assigning Scholarships reserved to students participating in the Artistic Construction Sites.

Ellissi (Ellipse), a project aimed at those metropolis or those environments that demand an architecture capable of containing the operational coordination among representative centres for the economy, culture and life of a Society: a container for exchange and cooperation activities among different cultures, which will represent a Multicultural Embassy of Arts. The etymological meaning of the word Ellipse defines the mathematical ascending spiral through which any living organism grows: from leaves and branches of plants to the movement and geometric formation of planets and stars in galaxies.

Green Zone, is a programme which foresees actions for the protection and regeneration of nature through Art, in order to make heavenly areas in the planet “economically productive as we have been doing up to the present day, our projects will be carried out without exploiting natural resources, but by placing them “within an economic regime” through Art projects, Sculpture Installations, Photos, Videos, and everything that can comunicate and enhance the natural beauty contained in the places we will select; to then arouse “attention” and “energy” to be used on site.

Human Art for Earth projects dedicated to protecting the Earth Planet heritage.

The beauty of some legendary places can hardly be neither matched nor enhanced by the works of Art created by man. However, through Art we could concur to “limit “damages and “protect” at least “some” wonders of our Planet Terra. So, man could, through art installations and other art projects, benefit from and understand such “wonders” but without altering their structure.

Although man has already compromised extensively the Nature of large areas – the desertification, the scarred natural landscapes, the wild urban sprawl, the so-called great works that have influenced the climate changes – through art projects like “Land Art”, installations and other project that Artists could invent, still we could encourage to restore some of the lost Beauty for the sake of humanity.

Universal Map, Musical Project for a multidentitario meeting.

Musical Project MAP – Music, Art and Poetry – is a music project that DGMA – Delilah Gutman Music Art – started in 2008 on the ethnic repertoire in relation to the language of art music, to art and poetry. The songs of a people and a land, with their instruments, mark a sound map – a tree of life.

Setting up Universal Map Chamber Orchestra Project is an idea born from the meeting and collaboration of three people whose interest is turned towards a single goal, to create a dialogue among different identities through a musical language: Delilah Gutman – composer, pianist and singer – Valentina Lo Surdo – musician, radio and TV presenter for RAI, and narrator – and Andrea Raffanini, orchestra conductor and orchestra Conservatory teacher.

The aim of the project is the production of a documentary (Reality Doc), Universal Map, which can tell the way that a group of young musicians can go through as part of a master class to perfect themselves in the orchestra, exploring the musical improvisation language, studying and setting up a new repertoire, to produce sound installations and a public concert.

The goal of universal MAP is to involve composers and performers to explore the musical language in relation to different musical traditions.

Subject of the production is the meeting between western instruments and instruments or songs of a particular ethnic group – as well as among music, art and poetry -, from Europe to Middle East and Orient to trace the music of the New Silk Road.

In the first half of the project plan the starting place is the Rocca of Montefiore Conca, passing via Venice – in Italy – to follow, hopefully,  Astana – Kazakistan – and continuing  its natural path along the New Silk Road up into “Far East”.

restart-logo

Il Progetto ReStArt nasce dall’esperienza di generazioni dedicate all’arte e alla cultura, ora espressa dal gruppo della Fondazione Rosini Gutman, impegnata nella promozione di progetti innovativi anche a sostegno dell’economia e dell’industria. ReStArt mira a realizzare dei “Cantieri dell’Arte” (mostre, istallazioni, spettacoli, attività formative) che simboleggino gli interessi condivisi tra i Paesi europei e asiatici. Per tale motivo, i naturali destinatari del progetto sono i Paesi dell’Asia-Europe Meeting (ASEM), un foro di dialogo tra le due aree che, tra i vari obiettivi, condividono in particolare quelli della tutela dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. La condivisione dei valori di arte, cultura, innovazione, tecnologia e industria, che caratterizza ReStArt mira pertanto ad alimentare i legami e gli scambi tra le comunità dei Paesi dell’ASEM.

Il progetto è stato presentato per la prima volta a giugno alle Nazioni Unite a New York, nell’ambito delle celebrazioni del 20° anniversario dell’Asia-Europe Meeting, assieme ad altre iniziative dell’Asia-Europe NGO’s Network, dell’EU Association e dell’Asia-Europa Foundation (ASEF), l’unico organismo istituito dall’ASEM per promuovere gli scambi tra soggetti degli Stati partecipanti. L’evento ha avuto l’appoggio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, delle Rappresentanze Permanenti della Mongolia (in qualità di Paese ospitante il Vertice ASEM11) e dei Paesi Bassi (che esercitavano la Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea), oltre che dell’ASEF.

A New York ReStArt ha ricevuto l’apprezzamento di numerosi Rappresentanti permanenti degli Stati ASEM che, al termine della presentazione, ne hanno approfondito il contenuto partecipando a una cena offerta dalla Fondazione Rosini Gutman presso la German House. Ha altresì ricevuto il premio “Spirit of EurAsia” quale miglior progetto e altri premi sono stati attribuiti alle opere presentate nell’occasione, tra cui “La Nuova Via della Seta” di Giovanni Gurioli, un “puzzle” le cui tessere simboleggiano i “genomi” del “corpo” Euro-Asiatico.

La natura trasversale di ReStArt configura il progetto come una piattaforma di dialogo e collaborazione tra l’Italia e gli altri Paesi ASEM, anche quale seguito del 10° Vertice ASEM di Milano, in occasione del quale l’Italia si è impegnata a individuare una serie d’iniziative in grado di alimentare i rapporti in ambito ASEM.

In prospettiva, si prevede che a ReStArt possa essere messo a disposizione uno spazio nel padiglione italiano dell’EXPO internazionale di Astana 2017, a dimostrazione dell’attenzione dell’Italia per l’arte, l’innovazione, lo sviluppo sostenibile e le relazioni tra Europa e Asia.

Poiché ReStArt è una piattaforma creativa basata su progetti di varia natura, il novero dei soggetti che potrebbero essere interessati è ampio, sia nel settore pubblico, sia privato. Innanzitutto, il progetto ha le potenzialità per attrarre e coinvolgere numerose iniziative in costante crescita nei paesi dell’Asia, quali biennali artistiche, associazioni e reti intra- regionali che promuovono la protezione e la rigenerazione del patrimonio urbano.

Ciò è espresso dalla tendenza a creare “Smart Cities”, orientando gli stili di vita e i settori produttivi, verso l’uso di energie rinnovabili. Agli enti locali italiani interessati, ReStArt, può fornire pertanto l’occasione di partecipare, con omologhe entità asiatiche, a iniziative utili a elaborare schemi di sviluppo sostenibile e di riqualificazione urbana.

La collaborazione di ReStArt con rappresentanti della società civile euroasiatica permetterà anche al mondo accademico di condividere opinioni per un futuro di crescenti scambi tra Europa e Asia nel solco dell’antica “Via della Seta”. Inoltre il progetto ReStArt si propone quale strumento nella valorizzazione e diffusione dei parametri internazionali di “governance” e di “sviluppo sostenibile” nel settore produttivo, tramite la creazione di specifici centri di formazione.

Lo scopo è dunque quello di Ri-Generare una “Nuova Via della Seta” tramite l’arte e la cultura con il proposito di stimolare gli scambi in tutti i settori tramite le caratteristiche peculiari di ReStArt.

ReStArt – Human Art Shield – nasce per sostenere la Regenerative Art, per esplorare nuove energie ed economie attraverso il Linguaggio delle Arti la cultura e la cooperazione sociale fra i popoli.

L’Arte costituisce il campo neutro dove le diversità possono confrontarsi e riconoscere un denominatore comune. In tal modo, la condivisione dei “Valori Umani Universali” riporterà l’Essere Umano al centro delle religioni, delle filosofie, del pensiero e delle attività umane, permettendo di conoscersi attraverso la proiezione nell’Altro e nell’altrui identità.

ReStArt – Human Art Shield – si struttura in vari progetti.

  • Regenerative Art, ideazione e conseguente realizzazione di installazioni d’Arte la cui funzione è proteggere e restituire alla fruizione dell’umanità i monumenti, in quanto espressione dell’idea che simboleggia la creatività artistica dell’Essere umano, quali, ad esempio;
    • Energy Box, una forma d’arte legata alla Rigenerazione, che consiste nella trasformazione estetica e formale di tutti quegli elementi e spazi che svolgono una funzione di Utilities nelle City, in relazione a: elettricità, acqua, comunicazione e impianti di regolamentazione logistica del traffico urbano;
    • Urban Art e Street Art, che si occuperanno di tutte le città composte da architetture che non hanno un’originale valenza e connotazione estetica – spazi interni e spazi esterni saranno così rigenerati con murales, opere d’Arte e di Design.
  • Human Art Road rappresenta il percorso che ReStArt vuole compiere e realizzare attraverso la “Nuova Via della Seta”, proponendo Installazioni d’Arte, Mostre ed Eventi, sotto forma di “Cantieri dell’Arte per l’Arte”: cantieri per la difesa, per la costruzione, ristrutturazione e valorizzazione di siti culturali e ambientali, simbolo dell’Umanità.

Human Art Award, quale contenitore permanente, coordinato dal Comitato Promotore che, periodicamente, valuterà e premierà, attraverso appuntamenti ben definiti, le realizzazioni dei progetti più meritevoli, realizzati lungo la Human Art Award, anche attraverso il rilascio di Borse di Studio riservati a studenti che hanno composto i Cantieri dell’Arte.

Ellissi, progetto rivolto a quelle metropoli o a quegli ambienti che necessitano un’architettura in grado di contenere l’operativo coordinamento tra centri rappresentativi dell’economia, della cultura e della vita di una Società: un contenitore per le attività di interscambio e cooperazione fra le più diverse culture, che rappresenterà un’Ambasciata MultiCulturale delle Arti. Etimologicamente, il significato del termine Ellissi definisce la spirale di ascesa matematica con la quale qualsiasi organismo vivente cresce: dalle foglie ed i rami nelle piante; al movimento e la formazione geometrica dei pianeti e delle stelle nelle galassie.

Green Zone, è un programma che prevede azioni di protezione e rigenerazione della natura con l’Arte, per rendere “economicamente produttive” le zone paradisiache del pianeta: i nostri progetti saranno realizzati, come abbiamo fatto sino ad oggi, senza sfruttarne le risorse naturali, ma mettendole “a regime economico” tramite progetti d’Arte, Installazioni di Sculture, Foto, Video, e tutto quanto possa comunicare e valorizzare le bellezze naturali contenute nei luoghi che sceglieremo; per poi generare “attenzione” ed “energia” da utilizzare in loco.

Human Art for Earth, programma dedicato al Pianeta Terra.

La bellezza di alcuni luoghi leggendari non può essere “migliorata” dalle opere d’Arte realizzate dall’uomo, ma con esse possiamo “circondare” alcune “meraviglie” del Pianeta Terra al fine di “proteggerle”. Inoltre con installazioni e progetti d’Arte possiamo interpretare tali “meraviglie” senza alterarne la struttura.

Esistono, purtroppo, luoghi già compromessi nella loro natura, come ad esempio le desertificazioni avvenute a causa dei cambiamenti climatici o gli ambienti naturali deturpati dai paesaggi urbani costruiti senza rispettare la struttura ambientale che esisteva in precedenza e su cui sono stati costruiti: con i progetti di “Land Art”, le installazioni e altri progetti che gli artisti potrebbero “inventare” potremmo ripristinare una parte della bellezza perduta a vantaggio di tutta l’umanità.

Universal Map, Progetto Musicale per un dialogo multidentitario.

MAP – Musica, Arte e Poesia – è il progetto di ricerca musicale che la DGMA – Delilah Gutman Music Arts – ha intrapreso nel 2008 sul repertorio etnico in relazione al linguaggio della musica classica d’occidente, alle arti e alla poesia. I canti di un popolo e di una terra, con i propri strumenti, segnano una mappa sonora – un albero della vita.

Il progetto di costituire Universal Map Chamber Orchestra è un’idea nata dall’incontro e dalla collaborazione di tre personalità il cui interesse è volto ad un’unica meta, creare un dialogo identitario attraverso il linguaggio musicale: Delilah Gutman – compositrice, cantante e pianista – Valentina Lo Surdo – musicista, conduttrice radiotelevisiva per la Rai, voce narrante – e Andrea Raffanini, direttore d’orchestra e docente di Conservatorio.

Obbiettivo del progetto è la produzione di un documentario (Reality Doc), Universal Map, che possa narrare il percorso che un gruppo di giovani musicisti può attraversare nell’ambito di una masterclass per perfezionarsi in orchestra, esplorare il linguaggio dell’improvvisazione musicale, studiare e allestire un repertorio nuovo per produrre installazioni sonore e un concerto pubblico.

Meta di MAP for Life è coinvolgere compositori e interpreti che possano esplorare il linguaggio anche in relazione a differenti tradizioni musicali.

Oggetto della produzione è l’incontro – oltre che tra la musica, le arti e la poesia – tra gli strumenti d’occidente e gli strumenti o i canti di una particolare etnìa, dall’Europa al Medioriente e all’Oriente, per tracciare la musica della Nuova Via della Seta.

Prima meta nel programma di realizzazione del progetto è la Rocca di Montefiore Conca, toccando Venezia – in Italia – a seguire Astana – in Kazakistan – per poi continuare il suo naturale percorso lungo la Nuova Via della Seta sino in “Estremo Oriente”.

ReStArt – Human Art Shield – si struttura in vari progetti.

  • Regenerative Art, ideazione e conseguente realizzazione di installazioni d’Arte la cui funzione è proteggere e restituire alla fruizione dell’umanità i monumenti, in quanto espressione dell’idea che simboleggia la creatività artistica dell’Essere umano, quali, ad esempio;
    • Energy Box, una forma d’arte legata alla Rigenerazione, che consiste nella trasformazione estetica e formale di tutti quegli elementi e spazi che svolgono una funzione di Utilities nelle City, in relazione a: elettricità, acqua, comunicazione e impianti di regolamentazione logistica del traffico urbano;
    • Urban Art e Street Art, che si occuperanno di tutte le città composte da architetture che non hanno un’originale valenza e connotazione estetica – spazi interni e spazi esterni saranno così rigenerati con murales, opere d’Arte e di Design.
  • Human Art Road rappresenta il percorso che ReStArt vuole compiere e realizzare attraverso la “Nuova Via della Seta”, proponendo Installazioni d’Arte, Mostre ed Eventi, sotto forma di “Cantieri dell’Arte per l’Arte”: cantieri per la difesa, per la costruzione, ristrutturazione e valorizzazione di siti culturali e ambientali, simbolo dell’Umanità.

Human Art Award, quale contenitore permanente, coordinato dal Comitato Promotore che, periodicamente, valuterà e premierà, attraverso appuntamenti ben definiti, le realizzazioni dei progetti più meritevoli, realizzati lungo la Human Art Award, anche attraverso il rilascio di Borse di Studio riservati a studenti che hanno composto i Cantieri dell’Arte.

Ellissi, progetto rivolto a quelle metropoli o a quegli ambienti che necessitano un’architettura in grado di contenere l’operativo coordinamento tra centri rappresentativi dell’economia, della cultura e della vita di una Società: un contenitore per le attività di interscambio e cooperazione fra le più diverse culture, che rappresenterà un’Ambasciata MultiCulturale delle Arti. Etimologicamente, il significato del termine Ellissi definisce la spirale di ascesa matematica con la quale qualsiasi organismo vivente cresce: dalle foglie ed i rami nelle piante; al movimento e la formazione geometrica dei pianeti e delle stelle nelle galassie.

Green Zone, è un programma che prevede azioni di protezione e rigenerazione della natura con l’Arte, per rendere “economicamente produttive” le zone paradisiache del pianeta: i nostri progetti saranno realizzati, come abbiamo fatto sino ad oggi, senza sfruttarne le risorse naturali, ma mettendole “a regime economico” tramite progetti d’Arte, Installazioni di Sculture, Foto, Video, e tutto quanto possa comunicare e valorizzare le bellezze naturali contenute nei luoghi che sceglieremo; per poi generare “attenzione” ed “energia” da utilizzare in loco.

Human Art for Earth, programma dedicato al Pianeta Terra.

La bellezza di alcuni luoghi leggendari non può essere “migliorata” dalle opere d’Arte realizzate dall’uomo, ma con esse possiamo “circondare” alcune “meraviglie” del Pianeta Terra al fine di “proteggerle”. Inoltre con installazioni e progetti d’Arte possiamo interpretare tali “meraviglie” senza alterarne la struttura.

Esistono, purtroppo, luoghi già compromessi nella loro natura, come ad esempio le desertificazioni avvenute a causa dei cambiamenti climatici o gli ambienti naturali deturpati dai paesaggi urbani costruiti senza rispettare la struttura ambientale che esisteva in precedenza e su cui sono stati costruiti: con i progetti di “Land Art”, le installazioni e altri progetti che gli artisti potrebbero “inventare” potremmo ripristinare una parte della bellezza perduta a vantaggio di tutta l’umanità.

Universal Map, Progetto Musicale per un dialogo multidentitario.

MAP – Musica, Arte e Poesia – è il progetto di ricerca musicale che la DGMA – Delilah Gutman Music Arts – ha intrapreso nel 2008 sul repertorio etnico in relazione al linguaggio della musica classica d’occidente, alle arti e alla poesia. I canti di un popolo e di una terra, con i propri strumenti, segnano una mappa sonora – un albero della vita.

Il progetto di costituire Universal Map Chamber Orchestra è un’idea nata dall’incontro e dalla collaborazione di tre personalità il cui interesse è volto ad un’unica meta, creare un dialogo identitario attraverso il linguaggio musicale: Delilah Gutman – compositrice, cantante e pianista – Valentina Lo Surdo – musicista, conduttrice radiotelevisiva per la Rai, voce narrante – e Andrea Raffanini, direttore d’orchestra e docente di Conservatorio.

Obbiettivo del progetto è la produzione di un documentario (Reality Doc), Universal Map, che possa narrare il percorso che un gruppo di giovani musicisti può attraversare nell’ambito di una masterclass per perfezionarsi in orchestra, esplorare il linguaggio dell’improvvisazione musicale, studiare e allestire un repertorio nuovo per produrre installazioni sonore e un concerto pubblico.

Meta di MAP for Life è coinvolgere compositori e interpreti che possano esplorare il linguaggio anche in relazione a differenti tradizioni musicali.

Oggetto della produzione è l’incontro – oltre che tra la musica, le arti e la poesia – tra gli strumenti d’occidente e gli strumenti o i canti di una particolare etnìa, dall’Europa al Medioriente e all’Oriente, per tracciare la musica della Nuova Via della Seta.

Prima meta nel programma di realizzazione del progetto è la Rocca di Montefiore Conca, toccando Venezia – in Italia – a seguire Astana – in Kazakistan – per poi continuare il suo naturale percorso lungo la Nuova Via della Seta sino in “Estremo Oriente”.

Art Exhibitions / Mostre d’Arte

The Art to exhibit Art: the Rosini Gutman Foundation under the manegement and artistic direction of Gianfranco Rosini, concentrates the over thirty years long experience in Art –with more than two hundred exhibitions and related events.The foundation is the natural evolution and the  continuation of the Rosini Gutman Gallery and Rosini Gutman collection stories.

L’Arte di esporre l’Arte: con la conduzione e la Direzione Artistica di Gianfranco Rosini, la Rosini Gutman Foundation unisce l’esperienza di oltre trent’anni di attività svolta nel campo dell’Arte – con oltre duecento mostre e l’organizzazione di eventi correlati. La fondazione nasce dall’evoluzione e dalla continuazione delle storie della Rosini Gutman Gallery e della Rosini Gutman Collection.

Exhibitions now available to present in Italy and abroad / Mostre attualmente , a disposizione per esibizioni in Italia e all’estero:

Andy Warhol

An Anthological exhibition with works from 1957 to 1987
Mostra antologica con opere dal 1957 al 1987

Andy Warhol e Steve Kaufman

Anthological and/or thematic  exhibitions,  works by Andy Warhol e Steve Kaufman Mostre antologiche e/o tematiche di Andy Warhol e Steve Kaufman

Andy Warhol & Steve Kaufman: Marilyn & The Movie Stars

Works by Andy Warhol and  Steve Kaufman dedicated to “Marilyn” and Movie Stars
Opere di Andy Warhol e Steve Kaufman dedicate a “Marily” e Star del Cinema

Love Pop

Pop Works by Italian and international artists since 1950
Opere Pop di artisti italiani e internazionali dagli anni ’50 ad oggi

From Futurism to Street Art / Dal Futurismo alla Street Art

One hundred years Art history Cent’anni di storia dell’Arte

Giovanni Gurioli

Anthological and/or thematic exhibitions, works and sculpture
Mostra antologica e/o tematica di opere e sculture

Gianluigi Toccafondo

Exhibition of unique artworks dedicated to Rimini and the Sea
Mostra di opere uniche dedicate a Rimini e al Mare

Mario Schifano

Exhibition of original painted photos and unique artworks
Mostra di foto dipinte originali e opere uniche

Fathi Hassan

Anthological and/or thematic exhibition
Mostra antologica e/o tematica

Mark Kostabi

Exhibition of original preparatory drawings and unique artwors on canvas
Mostra di disegni preparatori originali ed opere uniche su tela

Didactic workshops / Laboratori didattici

Education is the most powerful weapon which you can use to change the world (Nelson Mandela)

The education to the comprehension of Art languages is one of the goals that Rosini Gutman Foundation intends to achieve through didactic laboratories, especially created for elementary and secondary students.

The workshops will be held both at the venues of the exhibitions or upon request, at foundations and  associations sites or other public and private places.

L’educazione è l’arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo. (Nelson Mandela)

Educare alla comprensione dei linguaggi dell’Arte è uno degli obbiettivi che la Rosini Gutman Foundation si prefigge di realizzare tramite la produzione e il coordinamento di laboratori didattici dedicati agli allievi delle scuole – dalle materne alle superiori.

I laboratori si svolgeranno sia all’interno delle mostre sia, su richiesta, presso le sedi di scuole, fondazioni, associazioni o altri enti pubblici o privati:

Amedeo Modigliani

The portrait: play and learn from Amedeo Modigliani

Il ritratto: impara giocando con Amedeo Modigliani

Andy Warhol e Steve Kaufman

Silk-screen and blotted line technique
La tecnica serigrafica e il blotted line

Love Pop

Manual reproduction techniques
Tecniche di riproduzione manuale

ArteLila

CantaLila, from line to voice
CantaLila, dalla linea alla voce

Coloralila

Coloralila, from the lights of  dawn to shape
ColoraLila, dall’aurora alla forma

MusicaLila

MusicaLila from shape to sound
MusicaLila, dalla forma al suono